Inviato da Maria Silvia Sanna il Ven, 05/31/2013 - 09:00

Il termine infotisement è una delle classiche parole macedonia che si usano nel mondo anglofono della pubblicità. Deriva dalla fusione di information e advertisement e indica forme di advertising che hanno una spiccata funzione informativa. E fin qui, nulla di strano. Il problema è che spesso questa forma di pubblicità si mimetizza all'interno di giornali e riviste, segnalata da minuscoli disclaimer in corpo sette: per questa ragione si tratta di una tecnica pubblicitaria spesso criticata e altrettanto spesso al limite dell'occulto.

Ci sono però dei casi in cui l'infotisement può davvero offrire un servizio di utilità sociale, oltre che, ovviamente, spingere un determinato brand: mi ha colpito, ad esempio, DS - Gluten Free, che in occasione della settimana dedicata all'informazione sulla celiachia e sulla sensibilità al glutine (10 e il 16 giugno) ha pianificato una campagna web di sensibilizzazione rispetto a questo tema. All'iniziativa è stato dedicato un sito, Megliosenzaglutine.it, in cui si parla dei disturbi correlati all'intolleranza al glutine, di cosa sia questo componente, dell'intolleranza nelle sue varie manifestazioni e dei rimedi a questo problema. Il sito è chiaro, ricco di informazioni e sicuramente molto utile perché spesso per gli intolleranti si trovano ad affrontare incomprensibili malesseri quotidiani prima di riuscire a ricondurre i propri problemi a una causa specifica. Conosco il problema da quando, circa dieci anni fa, abbiamo scoperto la celiachia di mio fratello e so per esperienza quanto sia complicata la diagnosi: ecco perché mi sembra davvero efficace l'immagine del punto di domanda composto da spaghetti, che serve a instillare il dubbio sull'alimento più diffuso e scontato dell'alimentazione italiana, la pasta. 

La comunicazione di DS - Gluten Free, sviluppata da Grey e pianificata da Initiative, sarà anche presente su stampa tradizionale e sul web attraverso vari formati di advertising, che si integreranno nel contesto editoriale dei maggiori quotidiani e dei siti dedicati a salute e benessere.

DS - Gluten Free, che comprende anche il noto marchio Schär, è il leader tra i produttori di alimenti adatti a celiaci e intolleranti al glutine. Il brand non è nuovo a iniziative volte a semplificare la vita dei propri clienti, una di queste è DS Pizza Point, che consente a celiaci e agli intolleranti di trovare una pizzeria che cucini con farine senza glutine in qualunque angolo del mondo si trovano. Conosco la celiachia da vicino e vi posso assicurare che un'app del genere può davvero salvare più di una serata per chi ha questo problema alimentare. 

Articoli correlati

Food chatbot
Su Facebook Messenger sbarcano i chatbot. Abbiamo selezionato per voi qualche interessante applicazione nel food&beverage di questa novità futuristica.
Feed Your Mind
Dopo l'EXPO di Milano, Feed Your Mind sbarca nella Capitale il percorso interattivo per bambini promosso da Nestlè per scoprire i perché del cibo.
EcceItalia da Eataly
Dal primo marzo e fino al 31 dicembre, al secondo piano di Eataly Roma trovate una porta d'accesso ai Borghi più belli d'Italia, dove cibo e cultura formano un binomio indissolubile.