Inviato da Davide Arnesano il Mer, 07/10/2013 - 09:48
Ingredienti

C'è chi crede che a tavola basti impiegare solo un paio di sensi limitandosi a olfatto e gusto, ma io continuerò sempre a sostenere che un pranzo, una cena o qualsiasi altro momento a conviviale per essere vissuti al meglio debbano essere attività multi-sensoriali. Quante volte avete visto piatti presentati bene e avete fatto o sentito la classica battuta "basta che sia buono"? Beh io non credo che sia così: il piatto decorato non è un modo per illudere il cliente o per pubblicare una bella foto su Instagram.

Pinch Food Design nasce dalle menti dei due designer Bob Spiegel e TJ Girard, con l'intenzione di elevare l'esperienza a tavola fino a trasformarla in un sogno, da qui il motto: “Pinch me, I’m dreaming!”.

 

Durante i loro interventi c'è una prima fase in cui lo chef si esibisce davanti agli ospiti, cui segue una presentazione coinvolgente che porta la cucina dentro al party.

La disposizione del cibo è resa una vera e propria arte, così, davanti agli occhi dei commensali, vengono preparate composizioni di cibo con forte impatto visivo, un'esperienza che crea curiosità e contatto tra gli ospiti presenti.

Al buffet la parola chiave è interazione, per rendere ancora più entusiasmante il momento del contatto con il cibo, anche grazie all'aiuto da strumenti realizzati apposta dai designer di Pinch: qualsiasi pietanza, da antipasti ai dolci, è pensata per essere mangiata in piedi e può essere servita in piatti, ciotole e forchette personalizzate, come ad esempio Pinch Bowl, Pinch Fork, Spin

Sul loro sito raccontano il proprio approccio:

"Non abbiamo nulla contro ristorazione tradizionale. Non è proprio quello che facciamo.
Come top-tier NYC veterani culinarie con una vasta esperienza nel catering per ricevimenti, crediamo che i nostri clienti meritano un assaggio di qualcosa di nuovo e di imprevedibile, un'esperienza che sfrutta al meglio il cibo con la presentazione mai visti prima.
Così abbiamo creato Pinch Food Design, un nuovo marchio audace di ristorazione alimentato da una cucina di state-of-the-art e laboratorio di progettazione dedicato esclusivamente alla creazione di uno-di-un-tipo "mobili cibo." La nostra intenzione? Per stupire, intrattenere e ispirare con il cibo delizioso come è audace, e il design invitante come è innovativo.
Condotto dallo chef / duo di designer innovativo di Bob Spiegel e TJ Girard, il team di Pinch è guidato da un impegno senza compromessi per incitare sorpresa, anticipazione e delizia con ogni morso mentre allietando i nostri clienti - e dei loro ospiti - con combinazioni di presentazione fantasiose che ridefiniscono il arte"

Beh sono belli lontanucci, ma se vi capitasse di dover organizzare un catering a New York pensateci: http://pinchfooddesign.com/

Articoli correlati

peonia di chips
VisualFood è un progetto nato da un'idea di Rita Loccisano, per "creare delle storie e delle combinazioni di sapori e colori con il principale scopo di... mangiarle tutte"!
Bruno Munari
Lo so che non vi immaginereste mai Bruno Munari che si mette a fare foto a tavola prima di pranzo e poi le pubblica su Instagram, ma forse avrebbe potuto darci buoni consigli.
Food art by mentomonsters e ficoeuva
Se è vero che si mangia anche con gli occhi, è altrettanto vero che la presentazione di un piatto spinge chi lo osserva a mangiarlo più o meno volentieri. È particolarmente vero se si parla di bambini...