Inviato da Chiara Macchiarulo il Gio, 05/05/2016 - 11:51

Anche quest'anno Social Roots, progetto della Fondazione Brodolini, chiama a raccolta gli innovatori del settore agrifood e lancia la sua call for solution: un'occasione per tutti coloro che desiderano dare un contributo a una crescita economica sostenibile tanto dal punto di vista ambientale che da quello sociale.

Quest'anno la call for solution rivolta ad aziende e privati, riguarda tre ambiti ben precisi. Fino al 30 giugno è possibile presentare proposte innovative di:

  • sostenibilità nella catena di distribuzione alimentare,
  • sicurezza alimentare ed equo accesso alle risorse,
  • creazione di valore condiviso nell’agroalimentare.

I 10 migliori progetti presentati avranno la possibilità di partecipare gratuitamente al Global Innovation Camp di Torino, a settembre 2016: un'occasione ghiotta lunga una settimana che permetterà alle startup selezionate di fare networking e formazione. Tra queste 10, un comitato scientifico di esperti di settore sceglierà le 3 a cui sarà offerto un periodo di accelerazione o incubazione presso i partner di Social Roots.

Nel corso dell'edizione precedente sono state presentate 87 proposte provenienti da Senegal, Ghana, Sud Africa, Giordania, Brasile, Argentina, Colombia, Stati Uniti Spagna, Francia, Bosnia Erzegovina e naturalmente Italia, confermando il respiro globale di un progetto che in qualche modo ci riguarda tutti in quanto abitanti di questo pianeta.

I dettigli per la nuova call for solutions sono disponibili sul sito di Social Roots, e per rimanere aggiornati su tutte le iniziative del progetto tenetene d'occhio anche la pagina Facebook.

Articoli correlati

Fuudly
Noi italiani siamo per definizione delle buone forchette e siamo anche molto social: non è un caso che Fuudly, il social network completamente dedicato al cibo, sia nato proprio a Milano.
Food chatbot
Su Facebook Messenger sbarcano i chatbot. Abbiamo selezionato per voi qualche interessante applicazione nel food&beverage di questa novità futuristica.
digital hi-tech menù
Che succede al menù tradizionale se va oltre il supporto cartaceo? Succede che ordinare diventa un'esperienza interattiva o persino di intrattenimento.